Andamento degli indici di performance

L’andamento economico del Gruppo Pirelli è stato positivo anche nel 2013 in termini di fatturato, come ampiamente trattato nella Relazione Finanziaria Annuale 2013. Questo risultato si accompagna all’incremento dei volumi produttivi registrato rispetto allo scorso anno: le tonnellate di prodotto finito 2013 sono infatti cresciute di circa il 4,5% (aumento calcolato a perimetro omogeneo). Per quanto riguarda l’andamento degli indici convenzionali basati su quest’ultimo parametro, l’incremento dei volumi ha permesso di saturare maggiormente i siti produttivi interrompendo il precedente trend negativo e valorizzando gli investimenti fatti in termini di efficienza energetica. Occorre in ogni caso tenere presente che, relativamente alla strategia di Gruppo di continuo pushing verso i prodotti Premium, questi ultimi sono caratterizzati da una marginalità economica importante ma, per contro, anche da una forte intensità energetica derivante da specifiche di qualità molto restrittive, lotti di produzione più piccoli rispetto ai prodotti per il mercato di fascia medio-bassa e ovviamente una lavorazione più complessa in un numero maggiore di fasi.

Da ciò si evince che il 2013 vede un miglioramento generalizzato degli indici (ove gli stessi siano calcolati sulle tonnellate di prodotto finito), anche se il trend degli indicatori normalizzati sul margine operativo subisce invece un peggioramento; esso è dovuto non tanto all’efficienza dei processi produttivi Pirelli ma a una stabilizzazione del PBIT a fronte di un aumento dei volumi produttivi. Se tuttavia si allarga la visuale all’ultimo triennio la performance di questo ultimo KPI risulta ancora fortemente positiva.