Gestione dell'acqua

Nella strategia ambientale di Pirelli, l’utilizzo efficiente e consapevole dell’acqua è uno dei temi principali, oggetto negli ultimi anni di numerose azioni di miglioramento. Queste azioni hanno interessato e tuttora interessano tanto l’efficienza complessiva dei processi produttivi, dalla progettazione dei macchinari alle attività di Facility Management, quanto il contributo che ogni dipendente può dare alla riduzione del consumo della stessa.

Dal 2009 a oggi, grazie all’impegno di tutti i siti produttivi, sono stati risparmiati più di 14,5 milioni di metri cubi di acqua: un volume molto vicino al prelievo assoluto di un anno intero di tutto il Gruppo Pirelli. Questo dato è forse quello che esprime maggiormente l’impegno dell’Azienda nella tutela delle fonti idriche delle comunità in cui opera.

Infatti, oltre all’aspetto quantitativo e globale, Pirelli presta grande attenzione alla contestualizzazione locale dell’utilizzo di questa risorsa, consapevole che qualsiasi risparmio idrico o miglioramento della qualità degli scarichi ha un beneficio immediato e diretto sulla comunità locale. In termini quantitativi, il 2013 ha registrato un prelievo assoluto pari a 15 milioni di metri cubi, con una riduzione del dato specifico superiore al 10% rispetto al 2012.

PRELIEVO DI ACQUA

PRELIEVO DI ACQUA

PRELIEVO DI ACQUA

PRELIEVO DI ACQUA

Acuqa201120122013
Prelievo assoluto m3 16.349.000 16.174.000 15.119.000
Prelievo specifico m3/tonPF 15,0 16,4 14,6
m3/k€ 28,1 20,4 19,1

Nonostante questo tangibile e rilevante risparmio, a seguito delle condizioni macroeconomiche e del nuovo perimetro di rendicontazione, l’obiettivo di riduzione del prelievo specifico è stato ridefinito e traslato al 2020. Rispetto al 2009, il prelievo specifico sarà ridotto del 50% entro il 2017 e del 58% entro il 2020. A tal proposito, per dare una visione complessiva del prelievo di acqua, Pirelli monitora e rendiconta i seguenti tre indicatori:

  • il prelievo assoluto, misurato in metri cubi, che comprende il prelievo totale di acqua del Gruppo;
  • il prelievo specifico, misurato in metri cubi per tonnellata di prodotto finito, che indica il prelievo d’acqua per la produzione di una tonnellata di prodotto finito;
  • il prelievo specifico, misurato in metri cubi per euro di Risultato Operativo.

Tutti i dati riportati nel presente paragrafo sono raccolti, mediante misure dirette o indirette, e comunicati dalle unità locali.

Nei due grafici sono rappresentati il peso dell’approvvigionamento idrico per tipologia di fonti e la distribuzione dei prelievi assoluti per tipologia di business produttivo.

TIPOLOGIA FONTI IDRICHE

TIPOLOGIA FONTI IDRICHE

DISTRIBUZIONE PRELIEVI PER DESTINAZIONE

DISTRIBUZIONE PRELIEVI PER DESTINAZIONE

Più della metà dell’acqua prelevata è emunta da pozzi interni agli stabilimenti e autorizzati dalle autorità competenti. Inoltre, Pirelli ricava circa un quarto del proprio fabbisogno da acque superficiali, prestando attenzione a garantire che tale volume sia marginale rispetto al volume dei corpi idrici interessati (sempre inferiore al 5%). In particolare, circa il 10% è prelevato da corsi d’acqua ubicati in Brasile e protetti dalle normative nazionali. Infine, circa 700.000 metri cubi di acqua utilizzati sono ottenuti dal trattamento delle acque reflue dei propri processi produttivi.

Complessivamente sono stati scaricati circa 10 milioni di metri cubi di acqua, di cui circa il 70% in corpi idrici superficiali, in quantitativi marginali rispetto ai volumi dei recettori (sempre inferiori al 5%) e senza impatti significativi sulla biodiversità. La restante quota è stata collettata nelle reti fognarie. Prima dello scarico nel recettore finale, le acque industriali, opportunamente trattate laddove necessario, sono soggette a periodici controlli analitici che attestano il rispetto dei limiti di legge localmente applicabili. In particolare, per quanto riguarda la qualità degli scarichi industriali dei siti Tyre, valori indicativi della media globale sono: 8 mg/l di BOD5 (Biochemical Oxygen Demand), 41 mg/l di COD (Chemical Oxygen Demand) e 23 mg/l di Solidi Totali Sospesi.